COGITATIONIS POENAM NEMO PATITUR

Nessuno può essere punito per i propri pensieri

La formula stabilisce che l’atto psichico, ovvero quello che non si traduce, di fatto, in un comportamento materiale non è punibile.

È difficile se non impossibile, infatti, accertarsi dell’intenzione psicologica di un soggetto; è noto inoltre che pensiero ed azione non debbano essere necessariamente l’una  la conseguenza dell’altro.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: